+39 (0)521 494389

Un bando al mese

La domanda di sostegno per la riconversione e ristrutturazione dei vigneti, in riferimento alla campagna di commercializzazione 2018-2019, va presentata entro il prossimo 30 giugno. Lo stabilisce una circolare Agea pubblicata lo scorso 19 aprile che contiene le istruzioni operative n. 17 relative alle modalità e condizioni per l’accesso all’aiuto comunitario. Il provvedimento riguarda diverse tipologie di istanze: le domande di sostegno, di sostegno con richiesta di pagamento dell’anticipo, di pagamento a saldo e di variante.
Sono beneficiari del premio per la ristrutturazione e la riconversione dei vigneti, le persone fisiche o giuridiche che conducono vigneti con varietà di uve da vino. Beneficiano, altresì, del premio coloro che detengono autorizzazioni al reimpianto dei vigneti valide, ad esclusione delle autorizzazioni per nuovi impianti di cui all’articolo 64 del regolamento.

Rientrano tra i beneficiari di cui al precedente comma i seguenti soggetti:
a) gli imprenditori agricoli singoli e associati;
b) le organizzazioni di produttori vitivinicoli riconosciuti;
c) le cooperative agricole;
d) le società di persone e di capitali esercitanti attività agricola;
e) i consorzi di tutela autorizzati.
I produttori interessati all’aiuto per la ristrutturazione e riconversione vigneti devono in primo luogo costituire o aggiornare il proprio fascicolo aziendale e lo schedario viticolo presso l’Organismo pagatore competente in relazione alla residenza del richiedente, se persona fisica, ovvero alla sede legale, se persona giuridica.
I dati degli impianti da ristrutturare e le eventuali autorizzazioni da utilizzare devono risultare correttamente definiti e coerenti con i dati presenti nel Fascicolo aziendale e nello Schedario viticolo dell’interessato.

Una volta che il finanziamento pubblico è stato riconosciuto, l’intervallo di tempo entro il quale gli investimenti per la riconversione e la ristrutturazione del vigneto devono essere realizzati non può superare i 3 anni dalla data di concessione del sostegno e, comunque, non può essere superiore alla validità dell’eventuale autorizzazione all’impianto o reimpianto. Per la richiesta del pagamento a saldo, il collaudo delle opere e il relativo pagamento, la scadenza è fissata tra il 20 marzo e il 20 giugno 2019.
Nel caso di scelta di pagamento anticipato l’accesso alla misura prevede, sempre entro il prossimo 30 giugno, la presentazione di una domanda per la liquidazione dell’80% del contributo finanziato per l’intera operazione.

Fonte: AGEA

About Post Author

Contattaci

  • Via G. Magnani 10 - 43121 PARMA

  • + 39 0521/494389

  • info@bit-spa.it

Articoli recenti

BIT S.p.A. - Servizi per l'investimento sul territorio - Via G. Magnani 10 - 43121 PARMA C.F e P. IVA: 02394650341